delight2

Yamaha D’elight, lo scooter si rinnova: arriva il motore monocilindrico Blue Core

Gli scooter 125 sono una delle soluzioni preferite da chi ha la necessità di muoversi in città: hanno un costo complessivamente ridotto, consumano poco e si guidano con la patente B. Il nuovo Yamaha D’elight 125 racchiude in sé tutte queste caratteristiche: la versione 2017 vede un nuovo telaio, molto compatto e il nuovo motore monocilindrico Blue Core di 125 cm3 che promette di bere il minimo indispensabile. Concentrandosi sull’aumento dell’efficienza della combustione, migliorando le prestazioni del raffreddamento e riducendo le perdite di potenza, sono infatti riusciti ad ottenere un aumento del livello di performance ed un notevole risparmio di carburante. Grazie alla filosofia Blue Core e a studiati accorgimenti legati al design, D’elight vanta i dati sui consumi migliori della sua categoria.

delight3

Inoltre, con il suo serbatoio da 5,5 litri, D’elight è il primo della classe anche in termini di autonomia. Con lui il risparmio di tempo e denaro è garantito. Il peso è basso (99 kg in assetto di marcia) e l’interasse ridotto (1.275 mm): numeri che garantiscono un’ottima agilità. Dal punto di vista estetico, la carena presenta una mascherina a “V” nera, con gli indicatori di direzione anteriori multi-riflettore. Il D’elight 125 dispone poi di una pedana larga, dove caricare borse della spesa o le classiche 6 bottiglie dell’acqua, sella lunga (630 mm), pedane passeggero in alluminio, facilmente retraibili tramite l’utilizzo di un meccanismo di apertura a pulsante, nuovi cerchi a 6 razze pressofusi in alluminio, da 12 pollici all’anteriore e da 10 pollici al posteriore e due freni a disco, rispettivamente da 180 mm e 130 mm, gestiti da un sistema di frenata combinata. Non male la capacità di carico: il sottosella può infatti contenere un portatile con schermo da 13 pollici oppure un casco integrale. Il nuovo D’elight 125 sarà disponibile in rosso, bianco o nero, dal prossimo marzo 2017 al prezzo di 2.390 euro.



Condividi:

Facebook Twitter Google Plus Pinterest Linkedin Email