Coronavirus: la F1 annuncia il rinvio dei GP di Olanda, Spagna e Monaco

I Gran Premi olandesi, spagnoli e monegaschi sono stati rinviati a causa dell’epidemia da coronavirus, è questo l’ultimo annuncio che arriva dai vertici della Formula 1.

Le prime quattro gare in Australia, Bahrein, Vietnam e Cina erano già state annullate a causa della pandemia, adesso si sono aggiunte anche quest’altre tre destinazioni. L’organo di governo dello sport, la FIA, afferma che si aspetta che la stagione 2020 inizi “non appena sarà sicuro farlo, dopo maggio, ed esaminerà potenziali date alternative di recupero entro la fine dell’anno“.
In una dichiarazione congiunta con la F1 e i promotori della gara, si afferma che “sono state prese le decisioni per garantire la salute e la sicurezza del personale viaggiante, dei partecipanti e dei fan “. La decisione arriva al termine di una settimana sismica di sviluppi in F1.

Il Gran Premio australiano che ha aperto la stagione dei rinvii lo scorso fine settimana è stato annullato dopo che un membro del team della McLaren si è dimostrato positivo al coronavirus alla vigilia della gara di Melbourne e, oltre a lui, un totale di 16 membri del suo team sono stati messi in quarantena.

La decisione di annullare le seguenti gare in Bahrein e Vietnam è seguita nel giro di poche ore, mentre la corsa sul terreno cinese era già stato rinviato a febbraio in seguito allo scoppio del virus in quel paese.

Da allora, lo sport ha spostato la sua “pausa estiva” in avanti, ricollocandola a marzo e aprile per guadagnare il tempo necessario per far rientrare il maggior numero possibile di gare quest’anno, una volta che la stagione può riprendere.  La F1 e la FIA hanno deciso di ritardare l’introduzione di un importante set di modifiche al regolamento, tanto atteso dagli sportivi e appassionati, inizialmente fissato per il 2021, al 2022 per contenere i costi.

Un anno sportivo deve avere un minimo di otto gran premi per essere considerato un campionato mondiale. 

La F1 ha un piano di lavoro per cercare di iniziare la stagione con il Gran Premio dell’Azerbaigian il 7 giugno, ma ciò potrebbe non essere possibile a causa del crescente problema del coronavirus in tutto il mondo. I direttivi stanno prendendo in considerazione tutte le possibilità: è probabile che le gare si svolgano per un numero di fine settimana consecutivi e che siano raggruppate geograficamente il più possibile per facilitare tale approccio. E alcune gare hanno più probabilità di altre di essere sacrificate per questo campionato mondiale mentre il calendario cambia. I più vulnerabili, anche i più quotati ad essere esclusi dai bookmakers sono il Gran Premio di Monaco, Spagna, Brasile, Cina e Australia.



Condividi:

Facebook Twitter Google Plus Pinterest Linkedin Email